Codice disciplinare (ultimo aggionamento 11/06/2012)

A seguito dell’entrata in vigore, lo scorso 15 novembre, del D.Lgs 27.10.2009 n. 150,  “Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni”, le nuove fattispecie disciplinari in esso previste sono ufficialmente applicabili a tutti i dipendenti pubblici.
Di conseguenza il codice disciplinare dei dipendenti, fino ad oggi contenuto nell’art. 16 del CCRL 26.11.2004, viene integrato dalle fattispecie  previste dall’art. 69 del D.Lgs 150/2009.

Art. 16 CCRL 26/11/2004 "Codice disciplinare"

DECRETO LEGISLATIVO 30 marzo 2001, n. 165 Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche.

Codice di comportamento

Il nuovo codice, entrato in vigore il 19 giugno 2013, indica  i doveri di comportamento dei dipendenti delle PA, di conseguenza la loro violazione è fonte di responsabilità disciplinare.
Tra i principali doveri si ricordano i seguenti: diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta.