Procedimenti AREA AMMINISTRATIVA

Titolare posizione organizzativa: Braida dott.ssa Elena

Unione civile

Normativa di riferimento

Legge 20 maggio 2016, n. 76

Descrizione

Ogni coppia composta da persone dello stesso sesso può costituire in Italia un’unione civile davanti al Sindaco o a un ufficiale dello Stato Civile delegato.

E’ importante sapere che ai sensi dell’art. 1 c. 20 della legge “al solo fine di assicurare l'effettività della tutela dei diritti e il pieno adempimento degli obblighi derivanti dall'unione civile tra persone dello stesso sesso, le disposizioni che si riferiscono al matrimonio e le disposizioni contenenti le parole «coniuge», «coniugi» o termini equivalenti, ovunque ricorrono nelle leggi, negli atti aventi forza di legge, nei regolamenti nonché negli atti amministrativi e nei contratti collettivi, si applicano anche ad ognuna delle parti dell'unione civile tra persone dello stesso sesso. La disposizione di cui al periodo precedente non si applica alle norme del codice civile non richiamate espressamente nella presente legge, nonché alle disposizioni di cui alla legge 4 maggio 1983, n. 184. Resta fermo quanto previsto e consentito in materia di adozione dalle norme vigenti ”.

Modalità

L’unione civile è preceduta dalla verifica degli impedimenti da parte dell’ufficiale dello Stato Civile. Le parti devono contattare l’ufficio al fine di fissare un appuntamento per la richiesta, in cui dichiareranno la volontà di costituire l’unione e l’assenza di impedimenti previsti dalla stessa Legge n. 76/2016 e dal codice civile, che sono sostanzialmente gli stessi del matrimonio. Dovranno inoltre comunicare all'Ufficiale dello Stato Civile i dati dei testimoni (uno per parte) e fornire una copia dei loro documenti d'identità.

Dopo 30 giorni dalla richiesta, o anche prima, se l’ufficiale dello Stato Civile ha completato le verifiche, è possibile costituire l’unione civile.

CASI PARTICOLARI

Parti o testimoni che non conoscono la lingua italiana : l’ufficiale dello Stato Civile, in accordo con gli sposi, deve nominare un interprete che presti giuramento davanti a lui.

Cognome comune: la legge prevede il diritto all’uso di un cognome comune che le parti possono dichiarare in sede di costituzione (anteponendolo, posponendolo o sostituendolo al proprio). Attenzione: il cognome comune non comporta una variazione dei dati anagrafici e non ha alcun effetto pratico sui documenti del cittadino.

Cittadini che hanno contratto un matrimonio tra persone dello stesso sesso all’estero: devono chiederne la trascrizione nel registro delle unioni civili. Ai sensi della L. n. 218/1995, laddove il matrimonio sia composto da almeno un cittadino italiano, esso avrà in Italia gli effetti dell’unione civile.

Costituzione dell’unione civile a seguito di rettificazione di sesso: si verifica nei casi in cui, a seguito della rettificazione di sesso di uno dei coniugi, essi abbiano manifestato davanti all’autorità giudiziaria la volontà di non sciogliere il matrimonio. La dichiarazione sarà annotata nell’atto di matrimonio e sarà redatto un nuovo atto nel registro delle unioni civili.

Le sale in cui è possibile celebrare l'unione sono:

- l'Ufficio del Sindaco

- le sale della Villa de Brandis, su richiesta degli interessati, ed a seguito di autorizzazione da parte del Responsabile dell'Area Amministrativa.

Documenti necessari

Le parti devono compilare l’apposito modulo in cui indicano i propri dati  allegando copia di un documento di identità  ed il regime patrimoniale che intendono scegliere.

I cittadini non italiani devono produrre un nulla-osta al l’unione civile (o al matrimonio con la persona dello stesso sesso) rilasciato dalla competente autorità estera.

Il nulla-osta può essere sostituito da un certificato di capacità di sottoscrivere un’unione con allegato modulo plurilingue redatto da un Paese dell'Unione europea ai sensi del Regolamento UE 2016/1191 ;

Qualora sia impossibile produrre il nulla-osta perché la legge straniera non riconosce il diritto all’unione civile, o al matrimonio omosessuale, il cittadino può esibire in alternativa:

- un certificato o altro atto comunque idoneo ad attestare la libertà di stato;

- un’autocertificazione ai sensi del DPR n. 445/2000 in cui dichiara lo stato libero.

 

Ufficio competente

Ufficio dello Stato Civile 

Via Roma, 144 - 33048 SAN GIOVANNI AL NATISONE (UD)

piano terra

Indirizzo - e-mail - recapiti telefonici e fax

Indirizzo: Via Roma 144 – 33048 San Giovanni al Natisone (UD) - piano terra
E-mail: anagrafe@comune.sangiovannialnatisone.ud.it
Numeri di telefono: 0432 939541 e 0432 939542 - Numero di Fax: 0432 939526

Orario

lunedì dalle 10.00 alle 12.30  e dalle 15.00 alle 18.00;

dal martedì al venerdì dalle 10.00 alle 12.30;

sabato CHIUSO. 

Responsabile del procedimento

Dott.ssa Sabrina Renier, Agnolin Nicoletta, Canciani Francesca, in qualità di Ufficiali di Stato Civile delegati

Competenze

Rilascio informazioni; ricevimento istanze di unione civile

Tempi di rilascio

Dopo 30 giorni dalla richiesta, o anche prima se l’ufficiale dello Stato Civile ha completato le verifiche, è possibile costituire l’unione civile.

Costi

Eventuali costi sono previsti solo per l'uso delle sale della Villa de Brandis

Data revisione - Scadenza

Ultima revisione: 6 marzo 2020
Scadenza: nessuna