ORDINANZA DEL SINDACO N. 08 DEL 28.04.2021

MISURE URGENTI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DELL’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID – 19/ CORONAVIRUS

 

IL SINDACO

CONSIDERATOCHE l’Organizzazione Mondiale della Sanità il 30 gennaio 2020 ha dichiarato l’epidemia da COVID -19 un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale e in data 11 marzo 2020 è stata valutata come “pandemia” in considerazione dei livelli di diffusività e gravità raggiunti a livello globale;

VISTE le delibere del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020, del 29 luglio 2020, del 7 ottobre 2020 e del 14 gennaio 2021 e del 21 Aprile 2021 con le quali è stato dichiarato e prorogato, fino al 31 Luglio 2021, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

RICHIAMATO il decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»;

RICHIAMATO il decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»;

RICHIAMATO il decreto-legge 7 ottobre 2020, n. 125, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 novembre 2020, n. 159, recante «Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta COVID, nonché attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020»;

RICHIAMATO il decreto-legge 14 gennaio 2021, n. 2 (Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e prevenzione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e di svolgimento delle elezioni per l'anno 2021);

VISTO il decreto-legge 23 febbraio 2021, n. 15 (Ulteriori disposizioni urgenti in materia di spostamenti sul territorio nazionale per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da COVID-19);

VISTO in particolare il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri – DPCM – del 2 marzo 2021 che dispone l'attuazione di ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID – 19;

VISTO il Decreto Legge 1° aprile 2021 nr. 44, recante “Misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da COVID – 19 “;

VISTO il Decreto Legge 22 Aprile 2021 nr. 52, recante “Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID- 19 “

RICHIAMATE le vigenti Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative di data 08/10/2020 (Allegato nr. 9 del D.P.C.M. del 02/03/2021);

PRESO ATTO dell'attuale situazione di diffusione dei casi di infezione da Covid – 19 a livello regionale, anche con particolare riferimento al territorio comunale;

RICHIAMATA l’Ordinanza del Ministro della Salute del 23/04/2021, con la quale è stato disposto che a far data dal 26/04/2021, alla Regione FVG si applicano le misure di prevenzione cui alla c.d. “Zona gialla “, nei termini di cui al D.L. 44 / 2021;

RICHIAMATA in particolare la propria Ordinanza contingibile ed urgente nr. 6/2021 del 13/04/20121, con la quale venivano disposte tutta una serie di misure urgenti (divieti ed obblighi) in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID- 19;

CONSIDERATO l’evolversi della situazione epidemiologica;

PRESO ATTO in particolare delle disposizioni definite dal Decreto Legge 22 Aprile 2021 nr. 52 per i territori che ricadono nella c.d. “zona gialla “e a far data dal 26/04/2021 in materia di servizi di ristorazione all’aperto, attività sportiva all’aperto, spettacoli aperti al pubblico ecc.;

TENUTO CONTO che nel Comune di San Giovanni al Natisone sono presenti numerosi spazi verdi, giardini e parchi comunali o aperti al pubblico;

CONSIDERATO, altresì, che sul territorio comunale sono presenti strutture per svolgere attività sportiva all’aperto, sia individuale che di gruppo, di libera fruizione per tutti gli utenti e senza alcuna gestione predefinita;

RILEVATO pertanto che si rende necessario conformare ed adeguare i vigenti provvedimenti adottati a livello locale in materia di prevenzione e di contenimento dell’epidemia da Covid – 19, alla previgente normativa nazionale, anche allo scopo di evitare contrasti e difformità di interpretazione ed anche per uniformità operativa per i controlli e le verifiche sul territorio;

CONSIDERATO come l’attuale normativa nazionale ha provveduto a definire e normare anche quelle situazioni sulle quali si era intervenuti con propri provvedimenti “a livello locale “di natura limitativa e/o interdittiva, sempre nell’ambito di prevenzione igienico – sanitaria per contrastare l’epidemia da Covid – 19;

RITENUTO pertanto, a mutate esigenze, di procedere alla revoca dei vigenti provvedimenti sindacali adottati in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid- 19;

CONSIDERATO che il Sindaco in qualità di Rappresentante della comunità locale ha il potere di adottare Ordinanze Contingibili ed Urgenti ai sensi delle norme di cui all’Art. 50 comma 5 del D. Lgs. 267 / 2000 (T.U.E.L.);

VISTO il vigente Regolamento di Polizia Urbana;

VISTO lo Statuto Comunale

DISPONE

A far data dal giorno 28/04/2021, la revoca dell’Ordinanza contingibile e urgente n. 6 di data 13/04/2021;

e quindi contestualmente

ORDINA

a far data dal giorno 28/04/2021  

1.di confermare la riapertura all’ utenza di tutti i parchi, giardini e aree verdi comunali o aperti al pubblico in ambito urbano ed extra urbano, recintati e non recintati.

2.di disporre l’apertura delle strutture / impianti comunali o aperti al pubblico per lo svolgimento dell’attività sportiva all’aperto a libera fruizione (quali campi di calcio, calcetto, pallacanestro, campi di bocce, piste di pattinaggio ecc.. ) .

DISPONE

  • che l’Ufficio Tecnico comunale provveda per quanto di competenza circa la riapertura delle strutture / impianti sportivi a libera fruizione all’ aperto;
  • che il presente provvedimento venga reso noto ai cittadini mediante l’utilizzo di ogni mezzo utile a garantire la massima e tempestiva informazione alla popolazione;
  • che il presente provvedimento sia pubblicato all’Albo pretorio e sul sito web del Comune di San Giovanni al Natisone;

AVVERTE

che avverso alla presente Ordinanza ai sensi dell’art. 3, comma 4, della Legge 7.8.1990 n. 241 è ammesso ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale del Friuli Venezia Giulia entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla pubblicazione in Albo pretorio comunale ai sensi dell’art. 29 del D. Lgs. 02.07.2010 n. 104, recante l’approvazione del nuovo codice del processo amministrativo (che ha abrogato la Legge n. 1034 del 1971) ovvero alternativamente, ricorso al Presidente della Repubblica entro il termine di 120 (centoventi) giorni decorrenti dalla data di pubblicazione del presente provvedimento, ai sensi dell’articolo 9 del decreto Presidente della Repubblica 24 novembre 1971, n. 1199.


----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

DISPONE

Copia della presente Ordinanza venga trasmessa a:
-    Signor PREFETTO della Provincia di Udine;
-    Al Presidente della Giunta Regionale della Regione Friuli Venezia Giulia;
-    Al Corpo di Polizia Locale dell’UTI del Natisone 
-    Alla stazione dei Carabinieri di San Giovanni al Natisone;
-    Al Commissariato di P.S. di Cividale del Friuli;
-    Al Comando Compagnia Guardia di Finanza di Cividale del Friuli;
-    Al Responsabile della Protezione Civile locale.

 

Il Sindaco

Carlo dott. Pali